UNA DONNA PER AMICO (O UN UOMO PER AMICA!)

“Maaa che disastro io mi maledicono, ho scelto teee – una donna! – per amicooo…” cantava il buon Lucio Battisti al tramonto degli anni Settanta (1978, mi pare). Che canzone favolosa. Soprattutto so che può descrivere l’amicizia tra maschio e femmina molto meglio di quanto io non potrò mai fare con un articolo (geniaccio, quel Mogol, eh…?)

ASCOLTALA QUI

L’avete ascoltata? Tutta? Bene, perché sono in molti a chiedersi (e a chiedermi) se ciò che stanno vivendo, cioè un’amicizia viscerale con una persona di sesso opposto, sia un sentimento sincero, oppure un amore in boccio. Perché di norma si sta tranquilli, a volte si ha persino un partner diverso (!!!), ma ci sono momenti in cui pensiamo che la persona più importante sia proprio quella che ci ascolta e ci capisce tutti i santi giorni e si crea tanta di quella confusione…

Certo, una donna per amico (o un uomo per amica) è una bella gatta da pelare.

Primo: se stiamo con una persona differente, questa potrebbe davvero indispettirsi. E non avrebbe tutti i torti. Che cosa ci dà questa amicizia di diverso rispetto al partner? Perché sentiamo il bisogno di avere qualcun altro con cui confidarci e per cui sentirci importanti?

Secondo: leggenda vuole che quando scatta l’amicizia anziché la scintilla sia questione di scarsa attrazione fisica. Il che non vuol dire che ci siano dei cessi fotonici tra voi, l’attrazione fisica è inesplicabile  e lo specchio non c’entra. (la mia migliore amica, per esempio, è una ragazza carina e se fossi umano non esiterei a corteggiarla come si deve. Peccato  che a lei non piacciono le antenne.) Dicevo, leggenda vuole che manchi l’attrazione fisica. Però per me sta scusa non regge, perché so con certezza quasi matematica che se il rapporto è quello che io intendo, cioè un’amicizia profonda, il piano fisico e sessuale sono proprio gli ultimi a cui si va a pensare.

Terzo: c’è la possibilità di sentirsi confusi, a volte. Molti di voi lo sono, io lo sono stato. Poi, quando ho incontrato l’Aliena, ho capito che non c’è poi così tanto da preoccuparsi.

Il fatto è che l’amicizia è una forma d’amore. E con questo non voglio scatenare la gelosia di nessuno, ma solo rendere limpido un dato di fatto: ci sono piani diversi nei rapporti con le persone e ognuno ha il suo posto. Non è giusto privarcene, non è giusto costringere gli altri a cancellarli, anche se in alcuni momenti costa fatica.

Certo, la condizione ideale è essere anche migliori amici del proprio partner, ma ognuno di noi ha un passato, una storia diversa, anni e anni di incontri e persone che diventano importanti nella nostra vita, anche se non sono quelle che ci accompagnano lungo la strada.

Il discorso può cambiare un tantino se siamo soli. Soli, con un’amicizia particolare.

Qui allora a me scatta la “Sindrome di Harry” (direttamente da “Harry ti presento Sally”) e comincio a vedere in tutto tanti cuoricini. Insomma, secondo me queste amicizie strette strette sono solo amori che non si sono ancora concretizzati, vuoi per timidezza, vuoi per paura di essere troppo felici…vuoi perché si vuole aspettare di conoscere l’altro molto bene (e non è una scelta sbagliata, per quanto oggi sia in disuso), vuoi perché ci vuole un fattore scatenante che ci faccia aprire gli occhi.

In sostanza, avere amici di sesso diverso non è impossibile, ma credo che si tratti di un sentimento vero solo quando si è raggiunta una certa tranquillità sentimentale. E mantenere l’equilibrio non è facile.

Voi che ne dite?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in La Grande A. (Secrets and Lies), Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a UNA DONNA PER AMICO (O UN UOMO PER AMICA!)

  1. Pipkin ha detto:

    Boh, ok. Dopo aver risposto nell’altro commento e aver letto ora questo post ho capito che mi leggi nella mente. Insomma, bella fregatura avere un miglior amico/amica di sesso opposto, perché il 90% delle volte finisci per innamorartene…

    • marver3000 ha detto:

      Dunque, fammi mettere insieme il puzzle…tu sei il migliore amico di una ragazza già fidanzata e te ne sei innamorato? La domanda è…eri già innamorato prima che lei si fidanzasse? *MarVer è gli affaracci altrui – prima puntata*

  2. Pipkin ha detto:

    Ahah, all’incirca la storia è questa, sì…però l’ho conosciuta (o meglio, conosciuto) già fidanzato…niente “Sindrome di Harry”, insomma!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...